Pubblicità e giovani: una mimesi non riuscita?