Recent studies showed that the spread of the COVID-19 pandemic and the related restrictive measures adopted to contain it have a negative impact on people's level of well-being. The dimension of religiosity is considered a resource for coping with emergency situations. The present contribution aims at investigating the existence of differences between believers, atheists, and agnostics in terms of adaptation to the pandemic. A sample of 325 participants (age: 18-74) were administered instruments to measure: religious identity, perceived well-being, presence and search for meaning, impact of COVID. The results highlighted a higher level of presence / search for meaning, sense of connection and altruistic behavior in believers.

Recenti studi evidenziano come il diffondersi della pandemia da COVID-19 e le relative misure restrittive adottate per contenerla abbiano un impatto negativo sul livello di benessere delle persone. La dimensione della religiosità è considerata una risorsa per poter fronteggiare le situazioni di emergenza. Il presente contributo intende indagare l’esistenza di differenze tra credenti, atei e agnostici in termini di adattamento alla pandemia. Un campione di 325 partecipanti (età: 18-74 anni) ha compilato strumenti per misurare: identità religiosa, benessere percepito, presenza e ricerca di significato, impatto del COVID. I risultati evidenziano nei credenti un livello più elevato di presenza/ricerca di significato, senso di connessione e comportamenti altruistici.

Villani, D., Iannello, P., Bellotti, M., Antonietti, A., La dimensione religiosa e l’adattamento alla pandemia: un confronto preliminare tra credenti, atei e agnostici, <<PSICOLOGIA DELLA RELIGIONE E-JOURNAL>>, 2020; 7 (1-2): 1-8. [doi:10.15163/2421-2520/2020A46i] [http://hdl.handle.net/10807/180613]

La dimensione religiosa e l’adattamento alla pandemia: un confronto preliminare tra credenti, atei e agnostici

Villani, D.;Iannello, P.;Antonietti, A.
2020

Abstract

Recenti studi evidenziano come il diffondersi della pandemia da COVID-19 e le relative misure restrittive adottate per contenerla abbiano un impatto negativo sul livello di benessere delle persone. La dimensione della religiosità è considerata una risorsa per poter fronteggiare le situazioni di emergenza. Il presente contributo intende indagare l’esistenza di differenze tra credenti, atei e agnostici in termini di adattamento alla pandemia. Un campione di 325 partecipanti (età: 18-74 anni) ha compilato strumenti per misurare: identità religiosa, benessere percepito, presenza e ricerca di significato, impatto del COVID. I risultati evidenziano nei credenti un livello più elevato di presenza/ricerca di significato, senso di connessione e comportamenti altruistici.
Italiano
Villani, D., Iannello, P., Bellotti, M., Antonietti, A., La dimensione religiosa e l’adattamento alla pandemia: un confronto preliminare tra credenti, atei e agnostici, <<PSICOLOGIA DELLA RELIGIONE E-JOURNAL>>, 2020; 7 (1-2): 1-8. [doi:10.15163/2421-2520/2020A46i] [http://hdl.handle.net/10807/180613]
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
rel e covid x PsicRel.pdf

accesso aperto

Tipologia file ?: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Creative commons
Dimensione 136.58 kB
Formato Adobe PDF
136.58 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/180613
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact