Feudatari ed eremiti: la lezione del medioevo umbro