“Honor, bonum et magnum averum”. La mobilità medievale in un caso processuale del XII secolo