La complessità che caratterizza, a differenti livelli, la gestione della vita scolastica rappresenta oggi un dato diffuso ed incontrovertibile. Tale crescente difficoltà è validata dai risultati di recenti indagini che hanno contribuito non solo a sottrarre tale fenomeno al puro sensazionalismo, conferendovi oggettività scientifica, ma anche a connotarne i tratti e a definire, conseguentemente, possibili linee di intervento educativo e didattico.

Maggiolini, S., D'alonzo, L., Gestire la complessità in classe. Quali strategie, <<PSICOLOGIA E SCUOLA>>, 2015; (Gennaio/Febbraio): 41-48 [http://hdl.handle.net/10807/68688]

Gestire la complessità in classe. Quali strategie

Maggiolini, Silvia;D'Alonzo, Luigi
2015

Abstract

La complessità che caratterizza, a differenti livelli, la gestione della vita scolastica rappresenta oggi un dato diffuso ed incontrovertibile. Tale crescente difficoltà è validata dai risultati di recenti indagini che hanno contribuito non solo a sottrarre tale fenomeno al puro sensazionalismo, conferendovi oggettività scientifica, ma anche a connotarne i tratti e a definire, conseguentemente, possibili linee di intervento educativo e didattico.
Italiano
Maggiolini, S., D'alonzo, L., Gestire la complessità in classe. Quali strategie, <<PSICOLOGIA E SCUOLA>>, 2015; (Gennaio/Febbraio): 41-48 [http://hdl.handle.net/10807/68688]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/68688
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact