Il posto di Sofia Vanni Rovighi nel panorama delle interpretazioni dell’ontologia tomista