La fiction televisiva italiana costituisce un buon punto di partenza per indagare la creazione (e il mantenimento) di uno stardom dallo statuto particolare, che mantiene i tratti principali della celebrità televisiva (vicinanza, quotidianità, legame affettivo e quasi-familiare, e così via), ma li trasfigura in forme per certi versi più vicine al cinema e ad altre forme spettacolari. Il saggio intende pertanto affrontare, attraverso la ricostruzione di alcuni esempi tratti dalle ultime stagioni televisive, due differenti modelli di stardom che, in anni recenti, sono emersi nella fiction nazionale: da un lato, il “cambio di status” di attori e performer già noti, che raggiungono una diversa celebrità “nazional-popolare” grazie a un ruolo da protagonista (o a più ruoli, nelle miniserie) nella fiction Rai (si pensi a Beppe Fiorello, o al Terence Hill di Don Matteo e Un passo dal cielo); dall’altro, la “costruzione di uno stardom” autonomo, a partire da volti non ancora conosciuti, usato come marcatore di differenza dalle produzioni originali di Sky Italia, in primis Romanzo criminale e Gomorra. La serie. I due modelli costituiscono opposte polarità, coerenti sia con i differenti modelli produttivi della fiction sia con le forme della loro promozione e messa in onda.

Barra, L., Star a ripetizione. Modelli di celebrità nella fiction italiana contemporanea, <<BN>>, 2015; (581): 32-42 [http://hdl.handle.net/10807/68346]

Star a ripetizione. Modelli di celebrità nella fiction italiana contemporanea

Barra, Luca
2015

Abstract

La fiction televisiva italiana costituisce un buon punto di partenza per indagare la creazione (e il mantenimento) di uno stardom dallo statuto particolare, che mantiene i tratti principali della celebrità televisiva (vicinanza, quotidianità, legame affettivo e quasi-familiare, e così via), ma li trasfigura in forme per certi versi più vicine al cinema e ad altre forme spettacolari. Il saggio intende pertanto affrontare, attraverso la ricostruzione di alcuni esempi tratti dalle ultime stagioni televisive, due differenti modelli di stardom che, in anni recenti, sono emersi nella fiction nazionale: da un lato, il “cambio di status” di attori e performer già noti, che raggiungono una diversa celebrità “nazional-popolare” grazie a un ruolo da protagonista (o a più ruoli, nelle miniserie) nella fiction Rai (si pensi a Beppe Fiorello, o al Terence Hill di Don Matteo e Un passo dal cielo); dall’altro, la “costruzione di uno stardom” autonomo, a partire da volti non ancora conosciuti, usato come marcatore di differenza dalle produzioni originali di Sky Italia, in primis Romanzo criminale e Gomorra. La serie. I due modelli costituiscono opposte polarità, coerenti sia con i differenti modelli produttivi della fiction sia con le forme della loro promozione e messa in onda.
Italiano
BN
Barra, L., Star a ripetizione. Modelli di celebrità nella fiction italiana contemporanea, <<BN>>, 2015; (581): 32-42 [http://hdl.handle.net/10807/68346]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/68346
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact