“To be” o “esse”? La questione dell’essere nel tomismo analitico