Tommaso d’Aquino e le dottrine non scritte di Platone