Senso o sensi dell’esistere? I livelli ontologici del reale nel cosiddetto “tomismo analitico”