Contributi della psicologia alla riduzione della medicina difensiva