Il traduttore e il suo lettore: alcune riflessioni sul rapporto tra contrainte e censura