Scrivere poesie dopo Auschwitz. Paul Celan e Theodor W. Adorno