Urs Lüthi e gli ossimori del corpo