Deissi. Su un possibile nesso linguistica-estetica-ontologia