"Poor" e "Pure". L'Arte Povera e la critica di "October"