Tra inferno contadino e paradiso americano: Carlo Levi, Dante e la Bibbia