Strategie immaginative nella decodifica di stimoli cutanei