At the end of the Second World War several cases and packages of books, stored at the Hotel “Principe e Savoia” in Milan, presumably belonging to the German government, were confiscated as “enemy state property” by the Allied Military Government, which soon afterwards entrusted the National Library of Brera with their custody. A few hundreds of them, mostly 19th century editions of German and, to a smaller extent, European Literature, stand out for having the following same ex-libris: “Deutscher Sprachverein in Mailand”. Founded in 1887/88, this institution soon became the very centre of the German Community in Milan until World War I. This essay explores through a rich and mostly new documentation the history of the “German language society” and its library, paying special attention to the economic and cultural background of Milan at the turn of the century. A complete list of the books belonging to the ex-“Deutscher Sprachverein”, now at the Biblioteca Nazionale Braidense, and a biographical sketch of their donors close this study.

Alla fine della Seconda Guerra mondiale, il Governo Militare Alleato sequestrava numerose casse e pacchi di libri immagazzinati nell'Albergo “Principe e Savoia” di Milano, presumibilmente appartenuti all'ex-governo germanico. Tra i libri, successivamente dati in custodia alla Biblioteca Nazionale Braidense, spiccano alcune centinaia di edizioni ottocentesche di letteratura tedesca e, in misura minore, europea, contrassegnate da un medesimo ex-libris: “Deutscher Sprachverein in Mailand”. Fondata nel 1887/88, questa istituzione divenne presto il cuore della comunità tedesca di Milano fino alla Prima Guerra mondiale. Il presente saggio ricostruisce con l'aiuto di una ricca documentazione in gran parte inedita la storia della biblioteca e dell'associazione e il suo stretto legame con la vita economica e culturale della Milano di fine Ottocento. Completa l'indagine l'elenco dei volumi appartenuti al “Deutscher Sprachverein” e un profilo biografico dei donatori.

Raponi, E., La comunità tedesca a Milano tra Otto e Novecento. Il fondo disperso della biblioteca del 'Deutscher Sprachverein in Mailand', <<ARCHIVIO STORICO LOMBARDO>>, 2008; (serie dodicesima - vol. XIII): 241-318 [http://hdl.handle.net/10807/1679]

La comunità tedesca a Milano tra Otto e Novecento. Il fondo disperso della biblioteca del 'Deutscher Sprachverein in Mailand'

Raponi
2008

Abstract

Alla fine della Seconda Guerra mondiale, il Governo Militare Alleato sequestrava numerose casse e pacchi di libri immagazzinati nell'Albergo “Principe e Savoia” di Milano, presumibilmente appartenuti all'ex-governo germanico. Tra i libri, successivamente dati in custodia alla Biblioteca Nazionale Braidense, spiccano alcune centinaia di edizioni ottocentesche di letteratura tedesca e, in misura minore, europea, contrassegnate da un medesimo ex-libris: “Deutscher Sprachverein in Mailand”. Fondata nel 1887/88, questa istituzione divenne presto il cuore della comunità tedesca di Milano fino alla Prima Guerra mondiale. Il presente saggio ricostruisce con l'aiuto di una ricca documentazione in gran parte inedita la storia della biblioteca e dell'associazione e il suo stretto legame con la vita economica e culturale della Milano di fine Ottocento. Completa l'indagine l'elenco dei volumi appartenuti al “Deutscher Sprachverein” e un profilo biografico dei donatori.
Italiano
Tedesco
Inglese
Raponi, E., La comunità tedesca a Milano tra Otto e Novecento. Il fondo disperso della biblioteca del 'Deutscher Sprachverein in Mailand', <<ARCHIVIO STORICO LOMBARDO>>, 2008; (serie dodicesima - vol. XIII): 241-318 [http://hdl.handle.net/10807/1679]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/1679
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact