Il fascino dei dati qualitativi e l’affidabilità di quelli quantitativi