Quando «il lettore è affine all’autore». Una danza macabra tra August Strindberg e Søren Kierkegaard