Agostino Ferrari: segni e spazi plastici