Italo Calvino tra saggismo e "silenzio" della narrativa. Il caso della «Nota» al «Castello dei destini incrociati» (1973)