Il partner del paziente cardiologico: chi sostiene chi?