Servus furens/servus melancholicus: un'acrobazia giuridica in Ovidio elegiaco?