L'umanista bresciano Isidoro Clario (1495- 1555?), capo della delegazione benedettina al Concilio di Trento, è figura di spicco del panorama culturale del primo '500. Dalla lettura delle sue epistole si ricava sia la profonda fiducia nei valori dell'amicizia tra dotti sia la capacità di sintetizzare in maniera mirabile i valori del Cristianesimo con il portato della cultura classica (da Virgilio a Orazio a Seneca).

Bocchi, G., L'umanista Isidoro Clario: cittadino delle lettere, pellegrino del tempo, <<BRIXIA SACRA>>, 2006; (Dicembre): 73-108 [http://hdl.handle.net/10807/14692]

L'umanista Isidoro Clario: cittadino delle lettere, pellegrino del tempo

Bocchi
2006

Abstract

L'umanista bresciano Isidoro Clario (1495- 1555?), capo della delegazione benedettina al Concilio di Trento, è figura di spicco del panorama culturale del primo '500. Dalla lettura delle sue epistole si ricava sia la profonda fiducia nei valori dell'amicizia tra dotti sia la capacità di sintetizzare in maniera mirabile i valori del Cristianesimo con il portato della cultura classica (da Virgilio a Orazio a Seneca).
Italiano
Bocchi, G., L'umanista Isidoro Clario: cittadino delle lettere, pellegrino del tempo, <<BRIXIA SACRA>>, 2006; (Dicembre): 73-108 [http://hdl.handle.net/10807/14692]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/14692
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact