Della Scrittura Sacra. Giulio Camillo Delminio, Giusto Lipsio e la critica filologica di Federico Borromeo