La confisca tra passato e futuro