L'originalità del diario "I più non ritornano" nella letteratura di guerra