Nullità «de futuro» e poteri del giudice (a proposito di un caso spagnolo)