Giudizio sull’interpretazione autentica: verso una svolta?