In un sistema improntato al principio di legalità probatoria, la ricostruzione del fatto non è libera ma è regolata dalle norme poste a tutela sia della genuinità dell'accertamento sia dei diritti fondamentali dei soggetti coinvolti. Peraltro, la nozione di prova vietata nel processo penale non è pacifica, in quanto discussa è l'inutilizzabilità della prova illecita e l'utilizzabilità in bonam partem di prove ottenute in violazione dei divieti di legge; inoltre si affronta la tematica della prova incostituzionale, per concludere circa la inutilità ed erroneità della categoria.

Casiraghi, R., Prove vietate e processo penale, <<RIVISTA ITALIANA DI DIRITTO E PROCEDURA PENALE>>, 2009; (4): 1768-1800 [http://hdl.handle.net/10807/98141]

Prove vietate e processo penale

Casiraghi, Roberta
Primo
2009

Abstract

In un sistema improntato al principio di legalità probatoria, la ricostruzione del fatto non è libera ma è regolata dalle norme poste a tutela sia della genuinità dell'accertamento sia dei diritti fondamentali dei soggetti coinvolti. Peraltro, la nozione di prova vietata nel processo penale non è pacifica, in quanto discussa è l'inutilizzabilità della prova illecita e l'utilizzabilità in bonam partem di prove ottenute in violazione dei divieti di legge; inoltre si affronta la tematica della prova incostituzionale, per concludere circa la inutilità ed erroneità della categoria.
Italiano
Casiraghi, R., Prove vietate e processo penale, <<RIVISTA ITALIANA DI DIRITTO E PROCEDURA PENALE>>, 2009; (4): 1768-1800 [http://hdl.handle.net/10807/98141]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/98141
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact