Hermann Häfker: il cinematografo come sguardo utopico sul mondo