Dopo venticinque anni: un’intervista con Francesco Della Corte