Sulla scia del medico canadese William Osler (1849-1919) che incitava i suoi studenti a leggere i grandi classici della letteratura, stilando lui stesso una lista di preferenze, l'articolo sottolinea l'importanza dei classici nella formazione del medico. A partire dalle riflessioni dello scrittore Italo Calvino e della scrittrice iraniana Azar Nafisi, l'articolo sottolinea il "potere" della conoscenza immaginativa.

Giardina, S., Perchè i medici devono leggere i classici, <<Brindisi Medica>>, 2016; XLIV (2): 47-48 [http://hdl.handle.net/10807/95191]

Perchè i medici devono leggere i classici

Giardina, Simona
2016

Abstract

Sulla scia del medico canadese William Osler (1849-1919) che incitava i suoi studenti a leggere i grandi classici della letteratura, stilando lui stesso una lista di preferenze, l'articolo sottolinea l'importanza dei classici nella formazione del medico. A partire dalle riflessioni dello scrittore Italo Calvino e della scrittrice iraniana Azar Nafisi, l'articolo sottolinea il "potere" della conoscenza immaginativa.
Italiano
Giardina, S., Perchè i medici devono leggere i classici, <<Brindisi Medica>>, 2016; XLIV (2): 47-48 [http://hdl.handle.net/10807/95191]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/95191
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact