La NATO e le partnership: un “serbatoio di coalizioni”?