La letteratura carina, una medicina per lo spirito?