Il “Syraq” tra “Stato Islamico” e frammentazione