I ragazzi con sindromi rare a scuola