Lavorare relazionalmente. Analisi del caso di Lisa e Giovanni