Pirelli, Vittorini e un saggio rifiutato del "menabò"