L'autore commenta la sentenza n. 120/2014 della Corte costituzionale, che, nonostante la dichiarazione di inammissibilità della questione sottopostale, ritiene rappresenti un significativo passo avanti della lgiurisprudenza costituzionale sull'autodichia delle Camere, in quanto indica al remittenre la "sede naturale" per affrontare la questione (conflitto tra poteri)

Brunetti, L., Un significativo passo avanti della giurisprudenza costituzionalesull'autodichia delle camere, nella pronuncia della Corte che confermal'insindacabilità dei regolamenti parlamentari, <<FORUM DI QUADERNI COSTITUZIONALI RASSEGNA>>, 2014; (marzo): 1-4 [http://hdl.handle.net/10807/88768]

Un significativo passo avanti della giurisprudenza costituzionale sull'autodichia delle camere, nella pronuncia della Corte che conferma l'insindacabilità dei regolamenti parlamentari

Brunetti
2014

Abstract

L'autore commenta la sentenza n. 120/2014 della Corte costituzionale, che, nonostante la dichiarazione di inammissibilità della questione sottopostale, ritiene rappresenti un significativo passo avanti della lgiurisprudenza costituzionale sull'autodichia delle Camere, in quanto indica al remittenre la "sede naturale" per affrontare la questione (conflitto tra poteri)
Italiano
Brunetti, L., Un significativo passo avanti della giurisprudenza costituzionalesull'autodichia delle camere, nella pronuncia della Corte che confermal'insindacabilità dei regolamenti parlamentari, <<FORUM DI QUADERNI COSTITUZIONALI RASSEGNA>>, 2014; (marzo): 1-4 [http://hdl.handle.net/10807/88768]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/88768
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact