L'art. 97 tra ragionevolezza e riforme