Obiettivi. L’articolo affronta il tema dell’overdesign, ovvero della tendenza dei progettisti a sviluppare prodotti/servizi superiori rispetto alle effettive esigenze dei clienti. In particolare, obiettivo è verificare se e in che misura i bias cognitivi determinino questo fenomeno e quale ruolo svolgano i sistemi di pricing del prodotto e di misura delle prestazioni dei Progettisti rispetto ai meccanismi distorsi delle decisioni. Metodologia. È stata condotta una survey che ha consentito di raccogliere 149 questionari utili, fra i progettisti di aziende operanti in settori design-based. Risultati. I dati raccolti, sottoposti ad un’analisi fattoriale, hanno evidenziato l’esistenza di 3 forme di overdesign e di 6 categorie di bias cognitivi. Attraverso un’analisi di regressione, si è verificato che i bias dei progettisti costituiscono driver significativi delle tre forme di overdesign. L’impatto dei sistemi di pricing e di misura delle prestazioni sembra invece essere piuttosto limitato. Limiti della ricerca. Questo lavoro presenta i limiti peculiari degli studi basati su survey. In particolare, al fine di verificare la validità delle evidenze emerse, occorrerebbe ampliare il campione oggetto di analisi e, soprattutto, replicare lo studio in contesti settoriali diversi rispetto a quelli osservati. Implicazioni pratiche. Questo studio evidenzia il ruolo dei bias cognitivi nell’influenzare l’overdesign e sottolinea la necessità di comprendere come operare un “debias” dei processi decisionali. A questo proposito, il presente lavoro ha verificato l’efficacia solo di un ristretto numero di soluzioni che precedenti studi ipotizzano essere utili in questi contesti. Risulta, perciò, necessario approfondire lo studio degli strumenti utili a mitigare i bias cognitivi e le relative conseguenze sull’overdesign. Originalità del lavoro. Questo studio ha approfondito un aspetto dei processi di innovazione, ovvero l’overdesign, utilizzando la prospettiva “comportamentale”, che costituisce un filone recente negli studi sullo sviluppo nuovo prodotto.

Belvedere, V., Overdesign e sviluppo del nuovo prodotto: un’indagine sul ruolo dei bias cognitivi nei processi decisionali dei Progettisti, Paper, in XXV Convegno annuale di Sinergie - L’innovazione per la competitività delle imprese, (Ancona, 24-25 October 2013), CUEIM, Verona 2013: 381-393. 10.7433/SRECP.2013.24 [http://hdl.handle.net/10807/88257]

Overdesign e sviluppo del nuovo prodotto: un’indagine sul ruolo dei bias cognitivi nei processi decisionali dei Progettisti

Belvedere, Valeria
Primo
2013

Abstract

Obiettivi. L’articolo affronta il tema dell’overdesign, ovvero della tendenza dei progettisti a sviluppare prodotti/servizi superiori rispetto alle effettive esigenze dei clienti. In particolare, obiettivo è verificare se e in che misura i bias cognitivi determinino questo fenomeno e quale ruolo svolgano i sistemi di pricing del prodotto e di misura delle prestazioni dei Progettisti rispetto ai meccanismi distorsi delle decisioni. Metodologia. È stata condotta una survey che ha consentito di raccogliere 149 questionari utili, fra i progettisti di aziende operanti in settori design-based. Risultati. I dati raccolti, sottoposti ad un’analisi fattoriale, hanno evidenziato l’esistenza di 3 forme di overdesign e di 6 categorie di bias cognitivi. Attraverso un’analisi di regressione, si è verificato che i bias dei progettisti costituiscono driver significativi delle tre forme di overdesign. L’impatto dei sistemi di pricing e di misura delle prestazioni sembra invece essere piuttosto limitato. Limiti della ricerca. Questo lavoro presenta i limiti peculiari degli studi basati su survey. In particolare, al fine di verificare la validità delle evidenze emerse, occorrerebbe ampliare il campione oggetto di analisi e, soprattutto, replicare lo studio in contesti settoriali diversi rispetto a quelli osservati. Implicazioni pratiche. Questo studio evidenzia il ruolo dei bias cognitivi nell’influenzare l’overdesign e sottolinea la necessità di comprendere come operare un “debias” dei processi decisionali. A questo proposito, il presente lavoro ha verificato l’efficacia solo di un ristretto numero di soluzioni che precedenti studi ipotizzano essere utili in questi contesti. Risulta, perciò, necessario approfondire lo studio degli strumenti utili a mitigare i bias cognitivi e le relative conseguenze sull’overdesign. Originalità del lavoro. Questo studio ha approfondito un aspetto dei processi di innovazione, ovvero l’overdesign, utilizzando la prospettiva “comportamentale”, che costituisce un filone recente negli studi sullo sviluppo nuovo prodotto.
Italiano
XXV Convegno annuale di Sinergie - L’innovazione per la competitività delle imprese
XXV Convegno annuale di Sinergie - L’innovazione per la competitività delle imprese
Ancona
Paper
24-ott-2013
25-ott-2013
978-88-907394-3-9
CUEIM
Belvedere, V., Overdesign e sviluppo del nuovo prodotto: un’indagine sul ruolo dei bias cognitivi nei processi decisionali dei Progettisti, Paper, in XXV Convegno annuale di Sinergie - L’innovazione per la competitività delle imprese, (Ancona, 24-25 October 2013), CUEIM, Verona 2013: 381-393. 10.7433/SRECP.2013.24 [http://hdl.handle.net/10807/88257]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/88257
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact