Con la sentenza n. 2 del 2014, la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità di una legge con cui la Regione Toscana aveva prorogato, senza indicare un termine finale di cessazione, i contratti in essere con i gestori dei servizi di trasporto pubblico locale. La Regione giustifica il proprio intervento in ragione del periodo emergenziale e dei numerosi tagli degli ultimi anni al settore del trasporto pubblico locale. Al contrario, secondo il giudice delle leggi, in alcun caso la crisi può estendere le competenze regionali.

Candido, A., L'emergenza non estende le competenze regionali. Sulla proroga dei contratti di trasporto pubblico locale, <<GIURISPRUDENZA COSTITUZIONALE>>, 2014; (1): 73-81 [http://hdl.handle.net/10807/86467]

L'emergenza non estende le competenze regionali. Sulla proroga dei contratti di trasporto pubblico locale

Candido, Alessandro
2014

Abstract

Con la sentenza n. 2 del 2014, la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità di una legge con cui la Regione Toscana aveva prorogato, senza indicare un termine finale di cessazione, i contratti in essere con i gestori dei servizi di trasporto pubblico locale. La Regione giustifica il proprio intervento in ragione del periodo emergenziale e dei numerosi tagli degli ultimi anni al settore del trasporto pubblico locale. Al contrario, secondo il giudice delle leggi, in alcun caso la crisi può estendere le competenze regionali.
Italiano
Candido, A., L'emergenza non estende le competenze regionali. Sulla proroga dei contratti di trasporto pubblico locale, <<GIURISPRUDENZA COSTITUZIONALE>>, 2014; (1): 73-81 [http://hdl.handle.net/10807/86467]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/86467
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact