Carlo Bo fra quotidianità ed eterno