La leale collaborazione tra intese deboli e forti: una contrapposizione sbiadita