Sraffa e la matematica: diffidenza e necessità. Quali sviluppi per il futuro?