Il “buonismo” della Corte di Cassazione e la facile dimenticanza del danno conseguenza