Vita, paesaggio e sacro: la "natura" di Ezra Pound